Passa ai contenuti principali

ARMIAMOCI E PARTITE

In attesa di cronicizzarvi le recenti esperienze di viaggio (solo qualche giorno, il tempo di riprendersi dai tremendi postumi del jet-lag del volo Londra-Rimini), ci è arrivato questo invito gentilmente consegnatoci alla porta da due energumeni vestiti come i cattivi di Miami Vice e dal diametro toracico di un armadio a due ante. 
Mi hanno stretto e poi stritolato la mano e si sono presentati come "Quelli della gang del Lambrusco". 
Come tutti sappiamo, il Lambrusco (uso la maiuscola in deferente omaggio) è diventato una potenza mondiale non solo commerciale (quella lo è da anni) ma pure qualitativa. A forza di infilarsi medaglie (3 bicchieri, 5 bottiglie, 100/100) su di una metaforica giacca, sembrano degli omini di latta. Insomma: sono belli buoni e bravi e violentemente calorosi negli inviti. Perciò, vi scongiuro, se il 17 e il 18 siete liberi, andateci e dite che vi ho mandato io. Fate quella cosa che si chiama intercessione-nei-miei-confronti e divertitevi come pazzi.
P.S.: c'è anche tutto il Mosaico Piacentino e il Convito di Romagna ma voi parlate bene solo dei Lambruschi o, al massimo, dei Malbo in purezza.

Commenti

  1. A Correggio Domenica c'è il palio del laqmbrusco del contadino,lambrusco solo reggiano.Si messo in moto un bel movimento attorno a questa tipologia di vino.Ciao Mugellesi Ivano

    RispondiElimina
  2. Eugenio sei un grande ..ancora un po' e am pes ados- mi urino adosso- Ciao e se vieni fischia forte.GP

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

DI CIO' CHE E' FATTO IL MALE: LO ZOLFO (cioè, forse)

La prima volta che ho sentito parlare di anidride solforosa (per gli amici SO2) in certi termini è stata una serata con Radikon a Faenza. Diciamo la prima volta che ho iniziato a riflettere sulla SO2 in termini di formulazione chimica, di salute e di utilizzo nel settore alimentare e, in specifico, nel vino. Il fatto è che Radikon non aggiunge solforosa ai suoi vini. Non è l'unico e non è stato il primo. Ricordo miticizzate cuvée di Cornas di Thierry Allemand (i francesi dicono di aver fatto quasi tutto prima di noi e molto spesso è vero). Però quella sera ci spiegò i motivi di quella scelta. Motivi che ritrovate perfettamente spiegati nel suo sito.
Negli anni ho iniziato a leggere qualcosa, a fare domande ai produttori. Sono apparsi sempre più vini senza SO2 (cioè, senza che sia aggiunta perché, oramai è chiaro, è prodotta naturalmente in vinificazione) e con le diciture più diverse (così, ad esempio, scriveAntonuzi de Le Coste). E ho iniziato a pensare ai solfiti come al Male, a …

PANEVINO: IL VINO E' UNA COSA SERIA E ALLORA FACCIAMOCI UNA RISATA

E insomma si era preso la macchina con un amico e si era andati a San Marino o Il Paese dell'IVA Ballerina, e passando lo stradone dove spuntano casualmente delle piante tra un Outlet e l'altro, si era arrivati ad un cartello che faceva strano e molto secolo-scorso "DOGANA", e dopo una rapida e molto italiana inversione a U si era alla fine arrivati all'Enoteca Valentini.
L'Enoteca Valentini è una roba che per molto tempo ha prodotto un involontario e pavloviano eccesso di salivazione anche al solo pensiero dei Beni-di-Dio conservati tra le sue mura e, soprattutto, dei prezzi dei suddetti Beni-di-Dio, prezzi che il titolare spuntava (e spunta) attraverso un'aggressiva politica di marketing denominata "Io ti compro un bancale di vino e te lo pago sull'unghia ma tu, produttore, devi farmi uno sconto" unita alla famosa IVA ribassata. 
Pertanto l'idea del pellegrinaggio all'eremo vinoso sammarinese era, come sempre, di curiosare tra gli sc…

L'IMMIGRATO

Ciao, mi chiamo Franco e sono siciliano. Siciliano dell'Etna. La Montagna, come la chiamiamo noi. Per anni ho lavorato nel mio paese importando birra. Io amo la birra. La birra mi emoziona. Cioè, certe birre. Così ho iniziato a girare. Volevo capire come si facesse, chi erano gli uomini che la facevano. Volevo vedere dove nasceva. Poi mi sono deciso. Ho trovato un posto meraviglioso, del luppolo stupendo e mi sono trasferito. In Belgio. Sembra assurdo, vero? Un italiano che va a fare la birra in Belgio, in casa dei migliori produttori. Però avevo le mie idee. Volevo lavorare naturale e pulito. Volevo cercare di far esprimere a quel territorio il meglio possibile. Senza compromessi. Ho fatto prove, ho commesso errori, qualcuno beveva le mie birre e mi guardava storto. Ma poi. Ma poi tutto piano piano ha cominciato ad andare meglio. Le birre piacevano sempre più. La gente ha cominciato a volermi bene. E sono diventato più belga dei belgi. E' non è un lieto fine?
Questa è una stor…